Italia / Italiano
You're looking at the Italiano version of the website. Don’t worry. We’ve all taken a wrong turn before. Choose a different version of the website here.

Più semplice non significa migliore Il fotografo Matthew DeLorme rende omaggio all'ardua migrazione della trota Steelhead verso l'Oceano Pacifico vivendola in prima persona  

Più semplice non significa migliore Il fotografo Matthew DeLorme rende omaggio all'ardua migrazione della trota Steelhead verso l'Oceano Pacifico vivendola in prima persona  

Lo scorso marzo, Matthew DeLorme ha trascorso quattro giorni in bicicletta, in campeggio e a pescare trote Steelhead lungo il fiume Hoh nello stato di Washington. Pedalava con stivali da pesca e scarponi. Ha sopportato freddo e piogge praticamente ininterrotte. Ha accettato la sfida di guidare una Trek 1120 lungo i sentieri di un’umida foresta.

E non ha preso neanche una trota.

Per essere onesti, il viaggio non riguardava trasportare il maggior numero di pesci possibile: la trota Steelhead è una preda molto rara, definita da DeLorme e altri pescatori “pesce da 10.000 lanci”. L’impresa di quattro giorni riguardava principalmente documentare, seguire e celebrare il percorso delle trote dall’Oceano Pacifico al loro luogo di nascita.

A rendere le cose più difficili è stata la pandemia COVID-19, che ha impedito a DeLorme di avere un partner di viaggio.

“Sarebbe stato fantastico”, ha detto. “Sapevo che sarebbe stata una difficile e triste faticaccia: la celebrazione del concetto che ‘la miseria ama la compagnia’. Essere soli ha reso sicuramente la sfida ancora più dura: quando si gira da soli ci sono molti altri fattori da prendere in considerazione”.

Tuttavia, proprio come pescare non sempre significa catturare, più semplice non sempre significa migliore.

“Ciò riconduce al motivo per cui l’ho fatto. Devono già affrontare tantissime avversità in quell’arduo viaggio di 2.000 miglia. Inoltre, devono superare i pescherecci per tornare alle insenature che hanno dato loro i natali. È davvero un’impresa incredibile”, ha commentato DeLorme. “Volevo solo che fosse più difficile possibile onorarle”.

Intenzionalmente difficile. Per le persone che conoscono DeLorme o che hanno lavorato con lui, tutto questo non rappresenta una sorpresa. È un fotografo che si auto-descrive come “ad alta intensità”. Nelle sue foto mira a catturare l’agonia e il sacrificio che si trovano appena sotto la superficie della gloria. Questa volta, le foto si sono concentrate sugli sforzi per rimanere solidale con le trote.

“Le trote Steelhead sono fondamentalmente trote iridee che a un certo punto della loro vita decidono di diventare toste e dirigersi verso l’oceano. Rimangono là fuori per alcuni anni diventano enormi e tornano alle loro insenature natali per deporre le uova”, ha detto DeLorme. “Il fiume Hoh è speciale perché lo percorrono tre, quattro, cinque volte nella vita”, ha spiegato. “È un pesce davvero, davvero speciale”.

Per pescare le trote Steelhead, si usano tipicamente mosche luminose e appariscenti progettate per ingannare il pesce e creare una risposta territoriale, piuttosto che imitare i movimenti di una possibile preda.

“Fondamentalmente, le stiamo molestando”, ha affermato DeLorme. “Quindi, se devo molestare questi pesci, come posso farlo in un modo che rispetti il viaggio che hanno fatto?”

Nuotare era impossibile. L’escursionismo richiedeva troppo tempo. La bici, alla fine, era la risposta perfetta. DeLorme ha caricato la sua Trek 1120 con due borse laterali impermeabili, una borsa da manubrio, una borsa impermeabile roll-top e delle canne da pesca.

È partito da Oil City, Washington, alla foce del fiume Hoh, dirigendosi verso l’entroterra. Nel suo viaggio di quattro giorni, 40 miglia, DeLorme ha colto ogni opportunità per fermarsi in qualsiasi specchio d’acqua in cui fosse presente un pesce.

“La combinazione tra rimanere al freddo, scendere in acqua, salire in bicicletta e poi scendere di nuovo in acqua è stato un sonnifero che mi ha fatto dormire come mai prima nella mia vita”, ha detto DeLorme. “Leggevo un paio di pagine di un libro, poi crollavo. Ho dormito molto profondamente. È stato stupefacente”.

Il fatto che DeLorme celebri la Steelhead, il suo ambiente e il suo ciclo di vita si è già imposto come modello per i prossimi viaggi. Infatti, sta già progettando altre iniziative di pesca, ciclismo e campeggio nello stato di Washington e non solo.

“È un ecosistema fragile”, ha rivelato. “Ecco perché ho deciso di affrontare il viaggio in questo modo. Se avessi avuto intenzione di interagire con questi pesci, avrei dovuto farlo a un livello più profondo e appassionato. Ho scelto di farlo in sella alla mia bici, seguendo parte del loro viaggio di migrazione. Penso sia stato il miglior strumento possibile per portare a termine ciò che avevo deciso di fare. E non cambierei nulla”.

Bici adventure e da cicloturismo

Bici adventure e da cicloturismo

Non c'è modo migliore per vedere il mondo che in sella ad una bicicletta. Dalla città alle montagne, fino al deserto.
Scopri di più

About the Author: Trek

Tags: