Italia / Italiano
You're looking at the Italiano version of the website. Don’t worry. We’ve all taken a wrong turn before. Choose a different version of the website here.

L’avventura sta nella compagnia che scegli Come godersi la vita quando si viaggia in bicicletta

L’avventura sta nella compagnia che scegli Come godersi la vita quando si viaggia in bicicletta

Tutti conoscono Chris Jewett e Whitney Beadle, il progettista meccanico di Trek e la sua compagna di vita e di sella, come due avventurieri veterani. Negli ultimi dieci anni, hanno trascorso innumerevoli notti sotto le stelle in luoghi raggiungibili solo a piedi o in bici, dal Midwest al Great North e oltre.

La loro impresa più recente è stata un viaggio di 12 giorni attraverso il Banff National Park, in Canada. Ma non sono sempre stati così temerari: un’avventura di questo genere sarebbe stata impensabile agli inizi della loro storia.

Nel 2012, Chris aveva appena terminato la scuola di ingegneria e iniziato a lavorare a tempo pieno per Trek quando Whitney incappò nel volantino di un tour guidato in bicicletta attraverso il Montana. Lo mostrò a Chris e gli chiese semplicemente: “E se lo facessi?”

E se…? Due parole che racchiudono un grande potere. Whitney partecipò al tour guidato nel Montana (su una Trek 520 che Chris le aveva regalato per il suo compleanno) e tornò nel Wisconsin immaginando tutte le avventure che la attendevano. Negli anni successivi, quelle due parole divennero un mantra.

Chris e Whitney si riposano a metà percorso in un punto panoramico di montagna

Il loro percorso è stato graduale. E se esplorassimo le campagne del Wisconsin? E se trascorressimo laggiù un weekend? E ad ogni avventura, appassionandosi sempre più al ciclismo, cominciarono a pensare in grande. E se ce ne andassimo a ovest? E se percorressimo il Colorado Trail?

Chiunque sia appassionato di viaggi in bicicletta o abbia la fortuna di avere uno spirito avventuriero, può immedesimarsi. Amare l’avventura è sapere che c’è sempre qualcos’altro oltre l’orizzonte, qualcosa di più grande e selvaggio, un panorama ancora più mozzafiato, una vallata ancora più straordinaria, un’alba ancora più variopinta.

E quando si raggiungono in bicicletta, tutte queste mete sono ancora più belle.

Chris a bordo strada a Banff con la sua Trek 920

“Ci siamo innamorati del Canada Occidentale e in particolare del Glacier”, racconta Chris. “Pensavamo in continuazione a quale sarebbe stato il prossimo traguardo. Poi un giorno ci siamo chiesti: e se attraversassimo le Montagne Rocciose a nord del Glacier?”

Cartina alla mano, hanno scoperto un’unica strada che si snodava attraverso il Banff National Park, nell’Alberta. Più facevano ricerche, più si convincevano di poter compiere quell’impresa.

Sembrava remoto e bellissimo, tagliare all’interno del parco percorso solo da turisti e dirigersi verso le destinazioni di escursionismo. Tuttavia, se i posti dove campeggiare sembravano non mancare, non c’erano hotel e potevano contare soltanto su un paio di luoghi di rifornimento.

Dovevano mettercela tutta. In queste condizioni, il viaggio avrebbe testato la loro autosufficienza.

Alla fine, Chris e Whitney hanno trascorso 12 giorni di pedalata attraverso il Banff National Park. Chris sulla sua Trek 920 e Whitney sulla sua Trek 520. Avevano pianificato di vedere più panorami possibili, alternando giornate di escursione a giornate più leggere in sella alle loro bici.

Sostavano in tenda la notte ed esploravano di giorno. Hanno visto il sole sorgere e tramontare. Sono stati bagnati dalla pioggia, spaventati dai racconti di lupi e grizzly nelle vicinanze e derubati da un corvo opportunista che è volato via con la loro borsa di viveri.

Ma quando sono giunti al termine del loro viaggio, con il corpo dolorante e le bici da rimettere in sesto, ancora prima di varcare la soglia di casa hanno sentito il richiamo di quella domanda familiare: “E se facessimo qualcosa di ancora più straordinario?”

Whitney sulla vetta della montagna mentre guarda i monti in lontananza

Cinque suggerimenti per godersi la vita quando si viaggia in bicicletta

Vi piacerebbe fare bikepacking? Approfittate degli insegnamenti di Chris e Whitney per evitare che le cose prendano una brutta piega. Nell’ultimo decennio, questo duo si è costruito una conoscenza straordinaria su come pianificare viaggi di qualsiasi durata. Ecco i loro cinque migliori suggerimenti per ottenere il massimo da ogni avventura in bicicletta.

1. Partite leggeri, ma con qualcosa in più del necessario
È sempre meglio non avere bisogno di quello che trasportate che avere bisogno di qualcosa che non avete portato. Assicuratevi di avere sempre indumenti e accessori di ricambio. Chris e Whitney non sono incappati in problemi tecnici, ma hanno dormito sonni tranquilli sapendo di avere con sé gli attrezzi giusti per le riparazioni e qualche raggio di scorta. “Abbiamo dovuto usare l’abbigliamento antipioggia ogni giorno”, racconta Chris, “e per fortuna avevamo con noi qualche indumento termico in più”.

2. Scegliete un partner affidabile
La persona con cui scegliete di pedalare conta tanto quanto il percorso da compiere. “Ciclisticamente parlando siamo cresciuti insieme, perciò abbiamo imparato ad aiutarci a vicenda,” dice Chris. “In sella, Whitney ha una forza di volontà impareggiabile. Può darsi che io abbia più resistenza nelle gambe, ma non ho la sua forza di volontà. È importante comprendere i punti di forza del partner, oltre che i propri. Devi sapere come fare affidamento l’uno sull’altro.”

3. Aspettatevi degli imprevisti
Una notte, dopo una giornata trascorsa a pedalare sotto la pioggia, Chris stava asciugando le sue calze davanti al fuoco quando sono bruciate. “È una cosa che può rovinarti la giornata o puoi riderci sopra e trovare una soluzione”, dice. “Per fortuna ne avevo un altro paio, per cui è stato facile riderci sopra.”

4. Siate flessibili, ma preparati
“Volevamo vedere più posti possibili, così abbiamo deciso di alternare escursioni e pedalate”, racconta Chris. “Avevamo un programma generale, ma abbiamo apportato delle modifiche. È necessario essere preparati, ma bisogna anche essere flessibili. Niente va mai esattamente come programmato.”

5. Ascoltate voi stessi (e siate indulgenti)
“Una delle cose migliori che ho fatto è stata comprare una bottiglia di whiskey all’ultimo momento,” confessa Chris. “Di solito partiamo piuttosto leggeri, ma abbiamo deciso che il peso di questo lusso valeva la pena. Potevamo partire senza, ma volevamo premiarci con qualcosa alla fine di ogni giornata trascorsa in sella. Ogni notte, mentre bevevamo il nostro punch caldo davanti al falò, eravamo contenti di aver assecondato quel capriccio!”

Bici adventure e da cicloturismo

Bici adventure e da cicloturismo

Non c'è modo migliore per vedere il mondo che in sella ad una bicicletta. Dalla città alle montagne, fino al deserto.
Scopri di più

About the Author: Trek

Our mission: we build only products we love, provide incredible hospitality to our customers, and change the world by getting more people on bikes.